Contest instagram #voloanchio2015 il regolamento

NON SOLO UNA GARA FOTOGRAFICA MA L’ OCCASIONE PER CONOSCERE IL PARCO DI VILLA SPADA E DIVERTIRSI

Labirinto Villa Spda

Il Labiribto di Villa Spada Licenza Creative Common

#voloanchio2015

Termini e condizioni

Gli organizzatori del contest sono

Parco di Villa Spada a Bologna: Gruppo di iniziativa  e Associazione Culturale Youkali gruppo Media allo scoperto

 Referente: Associazione Culturale Youkali – Gruppo Media allo scoperto

Via del Pratello 97- 40122 Bologna www.youkali.it tel. 0518493013

mediaalloscoperto@youkali.it FC: Media allo scoperto

 1. CHI PUO’ PARTECIPARE

Il concorso è aperto a tutti coloro che possiedono uno dispositivo fotografico e sono iscritti ad Instagram (in possesso di un account Instagram)

2.PERIODO

Il concorso fotografico inizia dalle ore 12 del giorno 20/09/2015 e termina alle 20 del 21/09/2015.

-Solo In caso di maltempo, la festa “Volo anch’io 2015” sarà spostata dal Comune a domenica 4 ottobre ed il contest verrà di conseguenza spostato con inizio alle ore 12 del 4/10/2015 e termine alle 20 del 05/10/2015.

3.COME SI PARTECIPA

Semplice, basta caricare la/le foto su Instagram menzionando sempre l’account Instagram di Mediaalloscoperto: @mediaalloscoperto e usando l’hashtag #voloanchio2015

Le foto possono essere inviate dalle 12 del 20 settembre ed entro le 20:00 del 21 settembre 2015.

*solo ed esclusivamente in caso di maltempo il 20 settembre e di rinvio della festa al 4 ottobre, le foto potranno essere inviate dalle 12 del 4 ottobre fino alle ore 20 del 5 ottobre 2015.

Se possibile, chiediamo di NON utilizzare solo hashtag ma di aggiungere un breve commento personale  che descriva la foto così che ogni scatto sia una visione fotografica del Parco di Villa Spada capace di raccontare un punto di vista personale sull’evento del 28 settembre.

Ogni utente può pubblicare su Instagram un massimo di 5 foto iscritte a partecipare al concorso. Continua a leggere

#Villaspadasonoanchio Instagram Contest fotografico

Regolamento di partecipazione all’Instagram Contest fotografico #Villaspadasonoanchio

NON SOLO UNA GARA FOTOGRAFICA MA L’OCCASIONE PER CONOSCERE IL PARCO DI VILLA SPADA E DIVERTIRSI

Villa Spada Licenza Creative Commons

Villa Spada Licenza Creative Commons

Termini e condizioni

Gli organizzatori del Contest sono:

Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada

e Associazione Culturale Youkali gruppo Media allo scoperto

1.CHI PUO’ PARTECIPARE

Il concorso è aperto a tutti coloro che possiedono uno dispositivo fotografico e sono iscritti ad Instagram (in possesso di un account Instagram

2. PERIODO

Il concorso fotografico inizia dalle ore 14 del giorno 28/09/2014 e termina alle 20 del 29/09/2014.

Solo in caso di maltempo, la festa “Volo Anch’io” sarà spostata dal Quartiere Saragozza a domenica 5 ottobre ed il Contest verrà di conseguenza spostato con inizio alle ore 14 del 5/10/2014 e termine alle 20 del 6/10/2014.

3. COME SI PARTECIPA

Semplice, basta caricare la/le foto su Instagram menzionando sempre l’account Instagram di Mediaalloscoperto: @mediaalloscoperto e usando l’hashtag #villaspadasonoanchio

Le foto possono essere inviate dalle 14 del 28 settembre ed entro le 20:00 del 29 settembre 2014.

*solo ed esclusivamente in caso di maltempo il 28 settembre e di rinvio della festa al 5 ottobre, le foto potranno essere inviate dalle 12 del 5 ottobre fino alle ore 20 del 6 ottobre 2014.

Se possibile, chiediamo di NON utilizzare solo hashtag ma di aggiungere un breve commento personale  che descriva la foto così che ogni scatto sia una visione fotografica del Parco di Villa Spada capace di raccontare un punto di vista personale sull’evento del 28 settembre.

Ogni utente può pubblicare su Instagram un massimo di 5 foto iscritte a partecipare al concorso.

Le foto contrassegnate dall’hashtag specifico del Contest realizzate nel mese di settembre 2014 potranno essere riutilizzate dal gruppo Media allo scoperto ed essere pubblicate sul blog Mediaalloscoperto.wordpress.com o su altri siti di partner della Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada.

4. TEMA: “Il Parco di Villa Spada com’è e come lo vorrei

Ogni concorrente dovrà interpretare la manifestazione del 28 settembre 2014 Volo Anch’io 2014 che si svolgerà all’interno del Parco di Villa Spada dalle ore 14 con la presenza delle Associazioni Culturali e delle realtà del volontariato del Quartiere Saragozza.

La foto dovrà saper cogliere lo spirito dell’iniziativa tesa a valorizzare il Parco di Villa Spada, a renderlo vivo e vissuto dalla cittadinanza nonché a far risaltare le connessioni e sinergie tra le tante realtà associative che operano all’interno del Quartiere Saragozza.

L’immagine potrà ritrarre persone, performance, natura, monumenti e attività colte entro l’area della festa “Volo Anch’io”. Le foto potranno raccontare il parco di Villa Spada, com’è e come lo vorremmo, potranno esprimere il desiderio di una socialità condivisa vissuta all’aria aperta e attenta alla memoria storica.

5.  COSA E COME FOTOGRAFARE

Non ci sono limiti alla creatività dei partecipanti.

L’originalità con cui il concorrente saprà affrontare il tema della narrazione del parco di Villa Spada nella giornata di festa di “Volo Anch’io” sarà uno dei punti che verrà valutato dalla giuria di Instagram. Le foto possono essere scattate con lo smartphone, il tablet o con altri dispositivi fotografici e poi inviate/a all’account Instagram sopra menzionato.

E’ necessario che le foto siano scattate durante la festa “Volo Anch’io” del 28 settembre 2014 (solo in caso di maltempo la festa ed il Contest verranno spostate al 5 ottobre 2014), che siano coerenti con il tema di cui al punto 4 e che rispettino le regole indicate al punto 6.

Labirinto Villa Spda

Il Labiribto di Villa Spada Licenza Creative Common

6. LIBERATORIE

Ogni partecipante è responsabile del materiale presentato al concorso. Pertanto si impegna ad escludere ogni responsabilità degli organizzatori nei confronti di terzi, anche nei confronti di eventuali soggetti raffigurati nelle fotografie.

Il concorrente dovrà informare gli eventuali interessati (persone ritratte) nei casi e nei modi previsti dal D. Lg. 30 giugno 2003 n. 196, nonché procurarsi il consenso alla diffusione degli stessi. In nessun caso le immagini inviate potranno contenere dati qualificabili come sensibili.

Ogni partecipante dichiara di essere unico autore delle immagini inviate, che non ledono diritti di terzi e che qualora ritraggano soggetti per i quali è necessario il consenso o l’autorizzazione il concorrente l’abbia ottenuta ed è in grado di esibirla qualora venga richiesta dagli organizzatori o dalle forze dell’ordine.

Partecipando al concorso gli autori delle foto confermano ed attestano inoltre che:

– Le foto non contengono materiale osceno, esplicitamente sessuale, violento, offensivo o diffamatorio.

– Le foto non contengono materiale discriminante per sesso, etnia e religione.

La Giuria e gli organizzatori dell’ Instagram Contest #villaspadasonoanchio hanno il diritto di considerare nulle le foto che non siano conformi alle suddette regole.

Tutte le foto che partecipano al concorso pur essendo di proprietà dell’autore, potranno essere utilizzate dal Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada per fini promozionali. L’organizzazione garantisce che le foto non saranno comunque impiegate con finalità commerciali né cedute a terzi. 

7. VOTAZIONE ON-LINE E GIURIA

E’ stata istituita una commissione formata da appartenenti alle Associazioni facenti parte della Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada la quale individuerà 1°, 2° e 3° foto classificata tra le 20 che riceveranno più “mi piace” su Instagram entro le ore 20 del 5 ottobre 2014 *. I “mi piace” ricevuti dopo tale data e ora, non verranno conteggiati ai fini della premiazione.

*solo in caso di maltempo la festa e il Contest saranno spostati al 5 ottobre con scadenza della possibilità di cliccare “Mi piace” sulle foto alle ore 20 del 12 ottobre 2014.

Verranno scartate dalle finaliste le foto che non rispettano il tema o che non sono state scattate durante la festa di “Volo Anch’io 2014” del 28 settembre 2014 o che sono state postate dopo le 20 del 29 settembre.

8. PREMI E PREMIAZIONE

I premi sono offerti dal Supermercato Natura Sì di via Monte Fiorino, Bologna.

1° premio: buono spesa.€35 Presso Natura Sì di via Monte Fiorino Bologna.

2° premio pranzo €20 Presso Natura Sì di via Monte Fiorino Bologna.

3° premio colazioni € 8 Presso Natura Sì di via Monte Fiorino Bologna.

La premiazione avverrà in occasione della cena di autofinanziamento della Rete per Villa Spada il 24 ottobre  ore 20,30 presso Casetta Rossa via M Bastia  3/2.

Il concorso fotografico #villaspadasonoanchio vuole così offrire un’ulteriore occasione ai partecipanti per scoprire il Parco di Villa Spada, il Quartiere Saragozza e le realtà associative che lo animano.

La giuria valuterà  le 20 foto più votate su Instagram e decreterà le 3 foto vincitrici comunicando sulle pagine FB: Parco di Villa Spada a Bologna: gruppo di iniziativa e Media allo scoperto l’intera classifica con i nominativi dei vincitori.

I vincitori saranno altresì contattati tramite il proprio profilo Instagram e invitati alla premiazione.

In caso di difficoltà dell’organizzazione a risalire a un contatto dal profilo Instagram saranno i vincitori a dover contattare l’organizzazione dopo aver saputo dalle pagine Facebook sopramenzionate o dal blog mediaalloscoperto.wordpress.com di essere tra i vincitori.

 * I primi 3 classificati saranno inoltre veicolati con Media Support della Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada e di Media allo Scoperto -Youkali: blog, Facebook,Twitter, Instagram.

9.  CRITERI DI VALUTAZIONE

La valutazione delle 20 foto finaliste sarà calibrata con un punteggio da 1 a 5 secondo i seguenti parametri: Tecnica- Attinenza al tema- Originalità.

CLAUSOLE FINALI

La partecipazione al concorso implica la conoscenza e l’accettazione del presente regolamento e il consenso al trattamento dei dati che verranno utilizzati esclusivamente ai fini del concorso e non verranno ceduti a terzi né usati per scopi commerciali.

Tutti gli Instagram’s users potranno dare sfogo alla loro voglia di fotografia: partecipando agli eventi di Rete aperta di associazioni per la valorizzazione del Parco di Villa Spada e del gruppo Media allo scoperto dell’Associazione Culturale Youkali, potranno diventare nostri testimonial taggando le loro foto con @mediaalloscoperto e seguendo il profilo madiaalloscoperto.

Il bando è pubblicato sulle pagine FB: Parco di Villa Spada a Bologna: gruppo di iniziativa e Media allo scoperto e sul blog www.mediaalloscopertowordpress.com

Responsabile della segreteria del Concorso è il gruppo Media allo scoperto dell’Associazione Culturale Youkali. Tel 051 8493013; mediaalloscoperto@youkali.it

La fotografia e il rapporto con i media tra passato e presente

La comunicazione, e la sua corretta decodifica, sono alla base del laboratorio Media allo Scoperto, e puntoImmagine di riflessione principale nella costruzione di questo blog. Un argomento sicuramente interessante, ma anche molto ampio, che spinge ognuno di noi a concentrarsi su una particolare tematica, una linea editoriale da seguire, studiare, analizzare e approfondire.

Personalmente, ho deciso di presentarmi proponendo una lettura del ruolo della fotografia all’interno della comunicazione odierna. Per quanto abbia seguito diversi corsi inerenti le tecniche fotografiche, e letto molti articoli e libri sull’argomento, le mie conoscenze del rapporto tra fotografia e comunicazione rimangono scarse. Nondimeno, riconosco l’importanza della tematica, soprattutto adesso che viviamo in una società sempre più convertita al digitale, in cui ogni giorno diventiamo preda di numerose immagini, alle quali difficilmente prestiamo una reale attenzione, o riusciamo a decodificarne il significato. Un primo obiettivo che mi propongo, quindi, è la comprensione dei cambiamenti avvenuti nel rapporto tra fotografia e giornalismo, e come venga attualmente sfruttata questa potenzialità. Come si è trasformato il ruolo della fotografia all’interno della comunicazione nel corso degli ultimi anni? Quali sono gli scopi che si prefigge oggi? È ancora possibile la creazione di icone evocative di storia e memoria?

Sono domande importanti, a cui spero se non di trovare delle risposte, almeno di stimolare delle riflessioni all’interno dei prossimi post. Per il momento, comprendendo l’importanza di una prospettiva storica per una corretta decodifica dei fenomeni presenti, propongo una breve sintesi della storia della fotografia contemporanea, ovviamente concentrandomi sul suo legame con il giornalismo.

La fotografia nacque ufficialmente nel 1839, quando il francese Louis M. Daguerre riuscì a imprimere su una lastra la prima immagine umana, un gentiluomo seduto dal lustrascarpe (probabilmente un complice, contando che fu necessaria un’esposizione di circa venti minuti!). Dopo secoli di studi finalizzati alla ricerca di un metodo che consentisse il fissaggio dell’immagine generata dalla camera oscura, Daguerre brevettò la Dagherrotipia, il primo procedimento fotografico che permise lo sviluppo d’immagini, tuttavia non riproducibili. Un limite che fu superato pochi anni dopo dalla Calotipia, per merito di William H.F. Talbot, un procedimento basato sul rapporto negativo/positivo, che rese possibile l’infinita riproduzione d’immagini. Furono gli albori della fotografia come oggi la intendiamo.

Inizialmente, rimase un’arte circoscritta a quei pochi che potevano permettersi l’acquisto dei costosi macchinari, ma fin da subito si sviluppò una forte curiosità verso questo nuovo mezzo di riproduzione della realtà. Infatti, migliorati i prototipi iniziali, intorno alla metà del XIX secolo iniziarono a diffondersi i reportage fotografici di guerra. Il primo ufficialmente riconosciuto fu ad opera di Stefano Lecchi, il quale riprese a Roma i luoghi degli scontri tra forze papaline, sostenitori della Repubblica e francesi. La fotografia cominciò a essere strettamente connessa alla cronaca, uno strumento per indagare la realtà, custode e costruttrice della memoria collettiva.

Roger Fanton, considerato il primo reporter di guerra della storia, si recò sul campo durante la Guerra in Crimea (1853-1856), mostrando attraverso i suoi scatti i luoghi, le truppe, gli accampamenti e le fortificazioni, tralasciando gli scontri e le situazioni spaventose. L’intento di Fanton fu difendere una guerra poco amata dall’opinione pubblica inglese, influenzata dai resoconti scritti di William H. Russel, che ponevano l’accendo sugli orrori della stessa. Furono gli esordi della fotografia di propaganda.

In seguito, vennero svolte diverse spedizioni all’interno dei conflitti in Medio e Estremo Oriente, oltre che durante la Guerra Civile Americana, confermando il ruolo della fotografia come strumento di narrazione e resoconto giornalistico. Accanto ad esse, si svilupparono i primi reportage civili, a opera di fotografi al seguito di esploratori e missionari, in paesi lontani e poco conosciuti: nacque la fotografia antropologica ed etnografica. Una nuova arte stava iniziando ad invadere ogni ambito del sociale: si diffusero la fotografia industriale e scientifica, oltre a quella erotica, anche se fortemente ostacolata dallo Stato Pontificio.   

L’inizio del XX secolo fu caratterizzato da ulteriori innovazioni: negli Stati Uniti venne prodotta la Graflex, una reflex robusta, solida ma maneggevole, ideale per essere adoperata sul campo, che divenne l’inseparabile compagna dei reporter americani. Inoltre, come a consolidare il binomio tra fotografia e giornalismo, G. Grosvenor, editore del nascente National Geographic, inserì undici fotografie all’interno della rivista.

E da allora, fino alla diffusione di massa della televisione, nella seconda metà degli anni ‘70, la fotografia rimase la protagonista indiscussa dell’informazione, a tutti gli effetti la prima forma d’arte che divenne strumento di divulgazione e di conoscenza di realtà differenti.

G.R.

Note:

Le informazioni inerenti la storia della fotografia sono state ricavate dalla dispensa di Marco Rovere, Viaggio nella storia della fotografia, disponibile sul sito internet di Nikon School  http://www.nikonschool.it/corso-breve-storia-fotografia/index.php